Periodico mensile dei Padri Cappuccini e del Terz’Ordine Francescano della Provincia di Sardegna
 
 
Voce Serafica, Settembre 2012
Cultura Un obolo di pace
Luigi Cabras

 


      Sono qui, al sacro

portale del mio silenzio,

con la mano tesa, e sogno

che il mistero del tuo amore,

o Signore, la carità mi offra

di un obolo di pace,

con la palma aperta

della mia fede che ribolle

in un fervore di speranza…

      Sì, sono qui ormai da tempo

e aspetto con serenità

che il fiume dell’esistenza

mi trasporti al naufragio

tra gli scogli nel mare dell’ultimo

destino dell’umano errare

per le vie dell’universo,

e sia condotta tra le braccia di Dio

l’identità immortale della mia anima…

      Figliolo prodigo che torna

dal Padre a ringraziare

per il dono della Vita ricevuta,

per il mistero dei sensi,

della gioia, dell’amore, del sorridere;

per il mistero del pensiero,

della parola, del canto,

dell’ascoltare la musica sublime

del sapersi figli legittimi

del Creatore dell’uomo,

dell’universo e ogni altra cosa.

 

Luigi Cabras